Discografia

  • CD “Invito alla danza”, 2017 attualmente in vendita presso il negozio “Dischi Fenice” di

    Firenze, via S.Reparata 8/B, oppure online

TRACK LIST

da Waltzes op. 39

1 J. Brahms – Waltzes op. 39 nr 1

2 J. Brahms – Waltzes op. 39 nr 2

3 J. Brahms – Waltzes op. 39 nr 3

4 J. Brahms – Waltzes op. 39 nr 4

5 J. Brahms – Waltzes op. 39 nr 15

6 R. Schumann da Ballszenen op. 109 – Walzer

7 H. Kierulf – Wiegenlied

8 M. Moszowsky – Habanera

9 M.Tarenghi da Bozzetti dal vero op. 71 – Cantilena campestre

10 M.Tarenghi da Bozzetti dal vero op. 71 – Scene di caccia

11 K. Weill – Tango ballade (trascrizione G. Fricelli)

12 C. Debussy da petite suite – En bateau

13 J. Strauss – Brüssler spitzen

Ascolta alcuni brani del nostro nuovo disco

J. Brahms Waltzes op.39 nr.1

by Duon Nadàn

J. Brahms Waltzes op.39 nr.2

by Duon Nadàn

J. Brahms Waltzes op.39 nr.15

by Duon Nadàn

C. Debussy da petite Suite - En Bateau

by Duon Nadàn

“In questo disco che è un giro del mondo sembra risolversi un conflitto insanabile: raro trovare danzatori in grado di comprendere il grande repertorio musicale, parimenti difficile trovare musicisti che conoscano il linguaggio del corpo. Una rara e preziosa parentesi è stata quella del
primo Novecento e dei Balletti russi. Poi niente più: solo una grande incomprensione. Ma la collezione di queste danze, qui presentate magnificamente, ci racconta un’altra storia, un’altra possibilità: la prima esecutrice delle danze brahmsiane fu Clara, ebbene si, proprio Clara
Schumann. Poter essere lì, con loro, guardare i loro occhi, il linguaggio dei loro visi, ascoltare le loro parole: probabilmente è per questo che queste danze erano “assolute”, non legate e non pensate ad alcun tipo di esecuzione corporea. Il linguaggio degli affetti, una vera e propria
teoria, era per loro (anche Robert ovviamente) una grande danza dello spirito. Abbiamo accennato ad un giro del mondo: questo viaggio ha però due mete principali, Vienna e Parigi, le due capitali della musica nell’arco di tempo che copre questo disco, ampio quanto intenso.
Musiche e danze che incontrano quasi tutte le occorrenze della vita: ballare certo (un valzer), la caccia, l’andare in barca (a vela per la precisione), l’amare, il dormire. Una vera e propria apoteosi della danza: Wagner usò questa definizione, come noto, per la settima sinfonia di Beethoven, per uno scopo preciso. Wagner voleva “giustificare” agli ignoranti le “stranezze” rilevate nella partitura. Ecco che le stranezze trovano riposo nella danza: evidentemente è quello il luogo dell’impossibile, e del bellissimo anche, di un Weill che si dedica al tango o di un Moszkowski spagnoleggiante. Del sorridere nella sofferenza”.

                                                           Mario Setti

  •  In uscita nel 2019: H.von Herzogenberg , Complete music for piano duo, Brilliant Classic.